Il principio attivo del CBD

Il cannabidiolo è uno dei principi attivi sano della cannabis sativa, utile per il trattamento di molte patologie antinfiammatorie e psicotiche

Ci preme scrivere che il CBD non ha effetti psicoattivi, quindi non deve essere confuso con la cannabis consumata per altri usi ricreativi…

È in grado di sedare gli effetti psicotici di alcuni cannabinoidi come tremori o battiti accelerati. Non solo, agisce come antipsicotico e pare possa essere utile nel trattamento di sindromi bipolari o di schizofrenia.

Ha dimostrato effetti efficaci anche in casi di disturbo ossessivo compulsivo e disturbo post traumatico da stress.

E’ utile nel trattamento di sindromi infiammatorie e dolorose.

La cronicizzazione di queste malattie, che consumano l’essere umano sia a livello fisico sia a livello nervoso, richiede l’utilizzo di rimedi che spesso vanno oltre la posologia consentita, perché il dolore generalmente si nutre anche dei farmaci e aumenta sempre la sua soglia di manifestazione.

Il CBD ha dimostrato ottimi risultati analgesici, riduce le infiammazioni e agisce sui recettori con benefici neurologici. E’ un anticonvulsivo: gli studi in merito sono ancora agli albori ma l’utilizzo del CBD in forme particolari di epilessia ha dimostrato effetti benefici, con la riduzione di crisi convulsive.

Qui sotto alcuni benefici del Cannabidiolo – CBD: tampona gli effetti del THC e riduce dolori e infiammazioni. Inoltre ha dimostrato negli studi degli ultimi anni di mitigare i sintomi associati a due forme d’ansia: il Distrubo Post Traumatico da Strees (DPTS) e il Distrubo Ossessivo Compulsivo (DOC). Il CBD è un atispatico, antiemetico, anticonvulsivante.

Ha degli effetti positivi contro l’acne e curativo per tutte le imperfezioni della pelle.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *